Roma Resiliente

Programma 100 Resilient Cities. Promosso dalla Fondazione Rockefeller – che ha stanziato 1 milione di dollari per ognuna delle 33 città selezionate nella prima fase, tra cui Roma – per la costruzione di una strategia per la resilienza urbana, intesa come “la capacità di individui, formazioni sociali, attività economiche ed istituzioni che fanno parte di una città di sopravvivere, adattarsi e prosperare nonostante gli stress cronici e gli shock acuti di cui fanno esperienza”.

Nel dibattito, europeo e internazionale, si discute sempre più sulla necessità di rendere le nostre città “resilienti”. Per resilienza si intende l’insieme delle caratteristiche che rendono le città capaci di adattarsi ad agenti esterni più o meno prevedibili (tsunami, terremoti, alluvioni, per citarne alcuni) e, attraverso una pianificazione strategica anche dello sviluppo urbano, di affrontare con efficacia gli eventi calamitosi, di superarli e di uscirne trasformata o addirittura rafforzata.
Negli ultimi anni il tentativo più praticato dinanzi ai problemi di Roma è stata la rimozione e il guardare altrove. Molte delle ragioni della crisi che la città sta attraversando nascono da questa rimozione. Guardare al presente e ancor più al futuro della città richiede invece un confronto concreto, reale e senza infingimenti e tanto meno ipocrisie con la realtà urbana che i cittadini vivono quotidianamente. Avvicinare l’azione pubblica ai desideri e bisogni di chi vive la città è una operazione non più rinviabile. Serve una mappatura, quasi olistica, dei problemi che attanagliano la città e serve un cambiamento profondo dei modi di rappresentarli e di affrontarli. Roma Resiliente costituisce il tentativo concreto di andare in questa direzione, di parlare del futuro della città a partire dalla rappresentazione delle sue condizioni, delle opportunità che si possono cogliere e delle risorse che possono essere messe in campo per fondare le scelte delle politiche urbane.

Scarica il documento sulla Valutazione Preliminare di Resilienza.

Lascia un commento

Sottoscrivimi alle