La città minima, a proposito de “La Campagna che si fa Metropoli