la città eventuale. pratiche sociali e spazio urbano dell’immigrazione a Roma

INDICEPREMESSA, p. 4Leggere le trasformazioni della città (a partire dai suoi abitanti)Giorgio PiccinatoINTRODUZIONE, p. 6Interstizi urbani, “luoghi” per viaggi di sola andata Giovanni Caudo5 STUDI DI CASO ABITARE SPAZI DI FRONTIERA, p. 10L’esperienza di autoaccoglienza ai magazzini della Stazione TiburtinaLucio GiecilloRITUALI COLLETTIVI COME PERCORSI DI RADICAMENTO, p. 50L’uso sociale di “Campo della Polveriera” al Colle OppioAlessio GregoriLO SPAZIO DELLA SEDIMENTAZIONE, p. 70Il Rione Esquilino, tra stabilità e temporaneitàSilvia LucciariniSPAZI DEL COMMERCIO, TEMPI DELLO SCAMBIO, p. 86Il mercato informale del Terminal di AnagninaSimone MarchesiL’USO PLURALE DELLO SPAZIO PUBBLICO, p. 110Luoghi dell’identificazione collettiva della comunità ucrainaRomina PeritoreCONCLUSIONI, p. 142Il senso di una ricercaLucio Giecillo, Alessio Gregori, Silvia Lucciarini, Simone Marchesi, Romina PeritorePOSTFAZIONELe politiche per gli immigrati: alcune problematicità, p. 148Silvia LucciariniLe dimensioni del pubblico. Tre ipotesi sullo spazio dell’immigrazione, p. 152Lucio Giecillo4 PERCORSI FOTOGRAFICIAlessandro Baccari, Pierluigi Barile, Mario Casciu, Daniele Ceccarelli Simone De Iacobis, Francesco FornaciariL’abitare, p. 30Lo spazio, p. 58Riti quotidiani, p. 94Ritratti, p. 126