Ex Fiera

Berdini si fa commissariare dal prefetto e mostra di non conoscere la delibera.

La delibera sulla ex fiera approvata in giunta nel 2014 e in Assemblea Capitolina un anno dopo, nel Luglio del 2015, prevede una cubatura di 216 mila metri cubi, oggi l’area è edificata per 272.316 metri cubi, taglia pertanto circa 60 mila metri cubi rispetto alla situazione attuale.
L’edificazione prevista, infatti, non fu misurata sulle esigenze finanziarie della proprietà, né con riferimento alla consistenza attuale, ma sulla sola sostenibilità urbanistica degli spazi pubblici. Infatti dei 7,3 ha del vecchio comprensorio della fiera, circa 3,2 saranno destinati a servizi pubblici di quartiere, tutti quelli che servono al nuovo intervento. La quantità di edificato è molto al di sotto di tutte le proposte di delibere precedenti, 67.500 mq contro i 91.300 di Alemanno e gli 86.000 di Veltroni, ed è vincolata alla realizzazione di un adeguato sistema di accessibilità pubblica su ferro e a un documento di indirizzi per il concorso di progettazione urbana da predisporre coinvolgendo i cittadini. Lì dove c’è la vecchia fiera e insistono edifici non più utili e cadenti, lì dove è sempre esistito un muro continuo che costeggia la Cristoforo Colombo, interrompendo la continuità del verde pubblico ai margini della strada, la delibera consente di avviare un importante progetto di rigenerazione urbana.

Non si capisce quindi a quale “mostro”, a quale “incremento di cubatura” si riferisca l’assessore nelle sue dichiarazioni fatte oggi in Commissione urbanistica e riportate dall’Ansa. forse sono riferite alle delibere precedenti, quelle di Alemanno che prevedevano quasi 300 mila metri cubi, più delle cubature ora esistenti.

Invito Berdini a una maggiore esattezza e accortezza e ad evitare valutazioni demagogiche operate anche in modo maldestro, senza alcun fondamento, senza neanche leggere le carte. Ci sta a cuore Roma, la serietà di giudizio e di valutazione è un requisito importante in un momento difficile per la città. Anche per questo si poteva e si doveva evitare che il comune venisse commissariato dal TAR nella persona del Prefetto per dare seguito alla delibera sulla ex fiera e rispondere alle sole due osservazioni ricevute (sono necessarie solo poche ore di lavoro!).

Su una cosa invece sono d’accordo con le parole dell’assessore Berdini, che non si fanno delibere urbanistiche per sanare i debiti di una società, e riprendo qui quanto ho dichiarato alla stampa in occasione dell’approvazione della delibera, l’11 Luglio del 2015: “Come ho avuto modo di dire e di ribadire durante il percorso che ha portato alla proposta di delibera di trasformazione urbanistica della ex Fiera, approvata in giunta a luglio del 2014, un anno fa, le aziende si salvano e si ristrutturano con piani industriali seri, capaci di saper cogliere le opportunità del mercato e di corrispondere agli interessi più generali dello sviluppo economico della città. Questo è quello che serve prioritariamente alla società che attualmente gestisce la fiera nuova: un rinnovato e credibile piano industriale.”

  Subscribe  
Sottoscrivimi alle